Disturbi alimentari

Anoressia nervosa. una persona viene definita anoressica quando digiuna per lunghi periodi di tempo (rifiuta di mangiare), ha un peso del 15% (o anche più) al di sotto della norma, è terrorizzata dall'idea di perdere il controllo sull'assunzione di cibo e di acquistare peso. Per questi motivi può ricorrere in modo ossessivo all'esercizio fisico, al controllo della quantità di calorie e di cibo. Tale disturbo negli uomini si associa spesso a forte diminuzione dell'interesse sessuale, e nelle donne all'assenza delle mestruazioni.

Bulimia nervosa. Si parla di bulimia nervosa quando sono presenti i seguenti aspetti: abbuffate (assunzione di abnormi quantità di cibo in un breve lasso di tempo) che avvengono almeno una volta a settimana e sono caratterizzate da perdita di controllo che impedisce di smettere di mangiare una volta che si è iniziato, e da grossi sensi di colpa e di vergogna; comportamenti compensatori (vomito auto-indotto, uso di lassativi o diuretici, eccessivo esercizio fisico, digiuni)
per impedire l'assunzione di peso; grande preoccupazione per il proprio peso e per l'aspetto fisico.

Binge-Eating (Alimentazione incontrollata). La persona che soffre di questo disturbo non è in grado di controllarsi e assume grandi quantità di cibo in un breve intervallo di tempo. Tali
abbuffate sono seguite da sensi di colpa e vergogna, ma nessun comportamento compensatorio viene intrapreso. Spesso l'assunzione di cibo costituisce un modo per fronteggiare o bloccare sensazioni ed emozioni indesiderate. Il peso può aumentare fino ad arrivare oltre la norma. Infatti, il binge-eating è spesso presente tra gli obesi.

Obesità. E' caratterizzata da una condizione di elevata presenza di massa grassa nel corpo. Generalmente non viene considerata un disturbo alimentare in senso stretto, anche se, come in altri disturbi alimentari, molte persone obese sono affette da binge-eating e hanno preoccupazioni riguardo al peso e alla forma. La serietà di questo disturbo è data soprattutto dai danni rilevanti che esso provoca alla salute. Infatti è associato a (e spesso provoca) diabete mellito, malattie cardiovascolari, infarto e alcune forme di cancro.

Download Adobe Flash Player
 
affaticamento cronico | agorafobia | ansia sociale | attacchi di panico | depressione | disfunzioni sessuali | disturbi alimentari | disturbi d'ansia | disturbi di personalità | disturbo bipolare | disturbo ossessivo compulsivo | disturbo post traumatico da stress | ipocondria | disturbi dell'apprendimento | disturbi cognitivi | ritardo mentale | disturbi dell'identità di genere | omofobia e omofobia interiorizzata